fairy elle : la fata bambina
 

La pergamena del mese

“Marzo: le farfalle di Fairy Elle”
Prologo

ascolta il podcast

Bosco è in gran fermento.
La notizia del ritorno di Fairy Elle dalla scuola di magia si è diffusa in pochissimi minuti.
Turl, l'amico uccellino, felice come non mai di vedere di nuovo la sua fatina, ha intonato il suo canto più bello.
E così di trillo in trillo la lieta notizia è arrivata fino ai confini del Regno.
Ma ora tutti gli abitanti di Bosco sono in trepida attesa.
Quando sentiranno di nuovo il suono della tromba magica? quando potranno ascoltare Fairy Elle leggere le pergamene con tutte quelle storie fantastiche? magari questa volta racconterà della scuola di magia ... chissà?

La curiosità e l'attesa avanzano, si sentono nell'aria tra lo stormire delle fronde, nei fruscii tra l'erba, nei trilli sospesi, nelle parole a metà ...
.... Ma questa volta Fairy Elle si fa attendere.
Nessuno l'ha ancora vista in giro per Bosco, in compagnia dei suoi amici gnomi o della fata dei fiori Viola.
Qualcuno, più sensibile, giura di aver sentito strani battiti di ali. O di aver visto lampi di colore intorno a Casa-Pino. O di aver percepito movimenti rapidissimi.
Eppure gli gnomi di Casa-Pino hanno la bocca cucita.
Grolla, poi, non si fa proprio vedere. Figuratevi che neanche si affaccia alla finestra.
E le finestre sono tutte sbarrate!
Qualcosa non va! I sussurri e i trilli si trasformano via via in note di preoccupazione. E quando si è preoccupati o curiosi, si sa, molti non riescono a stare fermi. Per gli abitanti di Bosco ogni scusa è buona per passare davanti a Casa-Pino. Chissà mai che non si riesca a trovare qualcuno e dare una birciatina ... magari una porta o una finestra lasciata aperta ... chissà?

E' vero. Le finestre sono sbarrate ma Fral è lì, tranquilla.
E' vero. Gli gnomi non dicono niente ma sono al lavoro come al solito e salutano tutti cordialmente. Tutto nella norma. Tranne quelle benedette finestre chiuse.
E' vero. Grolla non si fa vedere ma il bucato è steso come al solito. Tutto nellla norma. Ma perché non aprono quelle benedette finestre?

Chi non si da pace è Melody, la gnometta del pino accanto. Guarda sempre più indispettita Casa-Pino. Già un paio di volte ha bussato alla porta. perché la sua cara amica Grolla fa finta di non sentire? perché proprio lei deve essere trattata come tutti gli altri abitanti di Bosco? magari se c'è qualche problema potrebbe dare una mano anche lei, no?

Il nostro messaggero speciale che ci ha fatto trovare questa storia ha scritto una piccola nota a questo punto nel suo racconto. Noi ve la riportiamo senza alcuna modifica.

"Sul faccino di Melody sono passate in un attimo tante di quelle emozioni che io, incantato, non mi sono accorto per niente della traformazione di un pino proprio lì accanto. Era troppo bello guardare lei. Quindi non so dirvi da dove sono venute tutte quelle farfalle e le altre decorazioni."

Ma attenzione. Melody deve aver visto qualche cosa. Strizza gli occhi per mettere a fuoco. La bocca ancora stretta in una smorfia e le gote rosse per la stizza. Poi spalanca occhi e bocca. Il colore scompare dal suo visetto. Ma si riaccende in un momento. E' rapidissima a mettersi la mantellina e correre via. E mentre corre ogni tanto si guarda indietro e ride felice fissando sempre lo stesso punto.
Un grande pino si è animato. Tante farfalle colorate lo fanno vibrare tutto con il battito delle loro ali. E battito dopo battito avanzano portandosi dietro tanti fili colorati.
Lo deve dire a tutti e subito. Fairy Elle è tornata sul serio e non c'è da preoccuparsi ...

Siete curiosi? volete conoscere il resto della storia di Fairy Elle?
Leggete "Compiti a casa"

Vi siete persi la pergamena di febbraio?

Le storie degli altri mesi: gennaio, febbraio ...

 
fairy elle